Medicina e salute

Tiroidite di Hashimoto: i probiotici sono un bene!

Quando si parla di tiroidite, ci si riferisce ad una infiammazione della tiroide, causata più comunemente da una infezione oppure una malattia autoimmune. La tiroidite più famosa è la “Tiroidite di Hashimoto”, causa più frequente di ipotiroidismo.

Succede che l’organismo sviluppa una reazione autoimmune per motivi non noti, e gli anticorpi attaccano la tiroide. Nella metà dei soggetti con questa patologia, la tiroide è ipoattiva inizialmente; nella restante parte dei soggetti invece, la tiroide funziona normalmente e poi diventa ipoattiva.

Possono sussistere anche altre patologie endocrine come l’artrite reumatoide, il lupus o il diabete, colpendo maggiormente le donne.

Quali sono i sintomi?

Nella maggior parte dei casi si manifesta l’ingrossamento della tiroide, con lo sviluppo del cosiddetto “gozzo” e, se la tiroide è ipoattiva, i soggetti avvertono intolleranza al freddo e stanchezza.

Coloro che presentano una condizione di ipertiroidismo, potrebbero sviluppare intolleranza al calore, palpitazioni e nervosismo.

Quali sono le cause?

Molteplici sono i fattori che possono influire sullo sviluppo di questa patologia, come per la maggior parte delle malattie.

In questo caso vi sono fattori genetici (geni di istocompatibilità come HLA I e II, geni immunoregolatori, geni specifici della tiroide e geni associati alla sintesi degli anticorpi della perossidasi tiroidea); fattori ambientali (assunzione di iodio, fumo, alcool, selenio, vitamina D, infezioni e terapie che modulano il sistema immunitario); fattori esistenziali (sesso femminile, età, gravidanza, Sindrome di Down).

L’alterazione del microbiota intestinale influisce sullo sviluppo della Tiroidite di Hashimoto?

Degli studi recenti hanno evidenziato una possibile relazione tra un’alterata composizione del microbiota intestinale nella patogenesi e nella progressione di malattie autoimmuni, come Hashimoto (HT).

Il nostro sistema immunitario innato e adattivo è regolato dal microbiota che permette lo sviluppo del GALT (tessuto linfatico associato all’intestino). Quest’ultimo controlla i recettori toll-like (TLR) nella mucosa intestinale sviluppando la tolleranza agli autoantigeni.

Quando si sviluppa una disbiosi (alterazione nella composizione batterica intestinale), si ha un aumento della condizione infiammatoria, con aumento della permeabilità e produzione di cellule pro-infiammatorie. Tutto questo ha un impatto sulla tiroide.

Lo studio condotto da Zhaoet al. e Ishaq et al. ha riscontrato in pazienti HT ipotiroidei una disbiosi e una crescita spropositata di batteri; Lauritano et al. ha notato che la crescita batterica in connessione con l’ipotiroidismo è sviluppata maggiormente nell’intestino tenue.

Perché c’è questa connessione?

Tutto questo può essere dovuto all’attività della deiodinasi (che converte la tiroxina nella sua forma attiva: triiodotironina) che è stata trovata anche nella parete intestinale, e che potrebbe contribuire ai livelli corporei di triiodotironina.

Altro fattore che potrebbe influenzare il microbiota è il suo effetto sull’attività della dopamina, che può inibire il TSH (ormone che stimola la tiroide).

Quali sono i micronutrienti coinvolti nella funzione tiroidea?

Iodio (substrato degli ormoni tiroidei), selenio, zinco e ferro svolgono un ruolo importante nella funzione tiroidea.

Il microbiota influenza l’assorbimento di questi minerali e, se si verifica una disbosi, come conseguenza si potrebbe avere un’alterazione di questi micronutrienti.

Di fatti, nella tiroidite di Hashimoto, i livelli di lactobacilli e bifidobatteri risultano essere inferiori rispetto alla media e questo è scientificamente provato che hanno una correlazione negativa con il ferro alimentare e una positiva con il selenio e lo zinco.

Quindi, la composizione intestinale e la regolazione dei minerali possono avere un impatto su Hashimoto.

Una carenza di iodio può sviluppare il gozzo, i noduli e anche il cancro, ma è anche vero che elevati livelli di questo micronutriente, somministrati come terapia medica, potrebbero alterare il microbiota e quindi permettere, allo stesso tempo, lo sviluppo di patologie tiroidee.  

Sarebbe necessaria la supplementazione di probiotici per ristabilire la flora batterica intestinale e avvantaggiare la funzione tiroidea, garantendo effetti benefici nelle malattie tiroidee.

Dott.ssa Valeria Santarcangelo – Biologa nutrizionista 

Messaggio al lettore: Ogni informazione presente in questo blog è puramente a scopo informativo. Non si intende in nessun modo sostituire figure professionali in campo medico e di consulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...