Alimentazione e Sport

Allenamento a digiuno: fare cardio a digiuno fa dimagrire di più?

Si sente spesso parlare della teoria secondo la quale fare cardio a digiuno fa bruciare più grasso rispetto a fare cardio a stomaco pieno.

“Fare aerobica al mattino prima della colazione è un ottimo modo per dimagrire”. Ma è veramente così?

Fare cardio a digiuno, come una camminata, un’attività a bassa intensità, fa utilizzare al nostro corpo sul momento più acidi grassi. Perché sottolineo sul momento? Vediamo un po’ di fisiologia.

Da: spadreams.it

Fisiologia del tessuto adiposo

Il tessuto adiposo, ovvero il nostro grasso corporeo, è costituito dall’insieme di numerose cellule specifiche, chiamate adipociti, all’interno delle quali si trovano gli acidi grassi.

Quando queste cellule vengono utilizzate non si distruggono ma si svuotano e restano vuote all’interno dell’organismo, pronte ad accogliere nuovi acidi grassi. Quindi, in modo semplice, se facciamo lo sforzo a stomaco vuoto e una volta finito mangiamo come sempre o perlomeno siamo in normocalorica, questi adipociti si rigonfiano e tornano al punto di partenza.

E in ipocalorica? Anche in questo caso, se il peso scende e le circonferenze diminuiscono, è grazie alla dieta che si sta seguendo e non perché ci si è allenati in un momento particolare della giornata. Questo perché il nostro corpo è come un automobile che ha 3 motori e, a seconda dello sforzo che deve affrontare, decide quale motore attivare, nello specifico, in base allo sforzo che si fa il corpo decide quale metabolismo utilizzare.

Da: Adipocita/ Wikimedia

Metabolismi energetici

Esistono tre metabolismi energetici che lavorano in sinergia all’interno dell’organismo. A seconda dello sforzo il corpo decide se utilizzare: il sistema anaerobico lattacido, alattacido e il sistema aerobico. Non c’è una divisione netta ma ognuno collabora con l’altro.

Se eseguo uno sforzo intenso (ad esempio uno scatto) verrà attivato il sistema anaerobico; se eseguo un allenamento ad alta intensità per 15-20 minuti di seguito (ad esempio un circuito HIIT) il corpo userà sia il metabolismo degli zuccheri sia quello delle proteine; se eseguo un’attività leggera (come una camminata) utilizzerà il metabolismo degli acidi grassi.

É vero quindi che se faccio cardio a digiuno il corpo utilizzerà acidi grassi ma il nostro corpo è una macchina perfetta e si autoregola, quindi, visto che ha utilizzato tanti acidi grassi durante il riposo non utilizzerà ancora grassi ma zuccheri e viceversa; quando durante un allenamento intenso verranno utilizzati molti zuccheri e a riposo utilizzerà i grassi, in modo da bilanciare il tutto.

Photo by Andrea Piacquadio on Pexels.com

In conclusione…

Al fine del dimagrimento, utilizzare grassi o zuccheri durante l’allenamento è indifferente. Quello che conta è il bilancio energetico della giornata, della settimana e del mese. Non è importante quindi se mangio o non mangio prima dell’allenamento ai fini del dimagrimento, conta sempre il bilancio energetico sul lungo periodo.

Anzi per assurdo sarebbe meglio non utilizzare i grassi durante l’allenamento perché più abituiamo il corpo a utilizzare gli zuccheri migliore sarà il nostro stato metabolico perché è il metabolismo glucidico che governa il metabolismo lipidico.

Dott.ssa Ilaria Satta – Biologa Nutrizionista

BIBLIOGRAFIA

scienzemotorie.com

projectinvictus.it

Messaggio al lettore: Ogni informazione presente in questo blog è puramente a scopo informativo. Non si intende in nessun modo sostituire figure professionali in campo medico e di consulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...