cicoria
Medicina integrata e Fitoterapia

La cicoria: erba amara per la salute del nostro organismo!

La cicoria comune (Cichorium intybus L.) è una pianta conosciuta fin dai primissimi tempi della storia umana. Viene citata ad esempio nel Papiro di Ebers (circa 1550 a.C.) e Plinio stesso nei suoi scritti ne parlava in quanto conosciuta nell’antico Egitto; il medico greco Galeno la consigliava contro le malattie del fegato, senza contare tutti i riferimenti in epoca romana.

Cichorium intybus L.

Caratteristiche botaniche

La cicoria è una delle piante spontanee commestibili più comuni e apprezzate. È presente in tutta Italia e fa parte della tradizione popolare e contadina. È piuttosto facile da riconoscere per chi vuole raccoglierla, soprattutto quando è in fioritura, grazie ai suoi splendidi fiori celesti, anch’essi commestibili. La cicoria di campo è anche una pianta ricca di proprietà benefiche, da sempre usata in fitoterapia. Dunque una meraviglia della natura che vale la pena conoscere!

La cicoria selvatica è una pianta perenne, con un ciclo biennale. Nel primo anno, la pianta sviluppa una rosetta basale di foglie, nel secondo anno, invece, sviluppa il lungo fusto fiorale. Compresa di fusto, la pianta può arrivare ad un’altezza di 1,5 m, ma di solito si mantiene entro il mezzo metro. La radice è un lungo fittone, con numerose radici secondarie rizomatose. Queste, sono ricche di un tipico lattice bianco, amaro e appiccicoso. Il fusto, quando si sviluppa, è sottile e tenace, ricoperto di peluria. Di solito è eretto, ma con andamento zigzagante e una modesta ramificazione.

Le foglie della cicoria selvatica sono di due tipi, quelle della rosetta basale e le altre inserite sul fusto. Le prime si formano in autunno e sono in genere frastagliate o dentate, solcate da un’evidente nervatura mediana, con superficie rugosa nella pagina inferiore. Sono piuttosto lunghe, fino a 30 cm. La superficie è glabra, ma può essere pelosetta se il clima di crescita è arido. Le foglie del fusto sono di dimensioni decisamente inferiori, praticamente delle foglioline. Hanno il margine intero, lanceolate e amplessicauli. La cicoria ha dei fiori spettacolari, ligulati e di un delizioso colore azzurro, con diverse tonalità. La fioritura avviene dall’estate fino al mese di ottobre ed è molto visitata dalle api e dagli altri insetti impollinatori. Il fiore ha la particolarità di aprirsi al mattino e di richiudersi a ore fisse del pomeriggio, a secondo della latitudine.

Caratteristiche botaniche di Cichorium intybus L.

Proprietà della cicoria

Nelle radici della cicoria sono presenti delle sostanze amare, ma anche zuccheri (contiene tre tipi di zucchero: destrosio, levulosio e pentosipentoso), colina, inulina, potassio, calcio, ferro, acido dicaffeiltartarico, cicorina, tannino, acido cicorico, amido, protidi, vitamine (B, C, K, P).

La fitoterapia utilizza la radice della cicoria come fonte di inulina, un polisaccaride presente in alta quantità che si accumula nei vacuoli delle cellule, dove costituisce una sostanza di riserva.  In medicina è possibile sfruttare il fatto che una volta introdotta nel corpo umano non si idrolizza, non viene quindi degradata né assorbita, raggiunge il colon e si comporta come una fibra solubile. Ed è per questo indicata nella prevenzione e cura della stitichezza cronica, colon irritabile, meteorismo, flatulenza e diverticolite. È stato ampiamente dimostrato che l’inulina è l’unica fibra alimentare in grado di ripristinare la normale flora batterica intestinale.

Struttura dell’inulina.
  • Favorisce la attività fisiologica della colecisti e grazie alla presenza di sostanze amare stimola la digestioneil drenaggio del fegato. Riduce lo stimolo della fame inducendo sensazione di pienezza. 
  • Facilita l’assorbimento del calcio ed altri minerali.
  • È efficace in presenza di problemi digestivi (dispepsia, stipsi, colon irritabile, flatulenza, meteorismo), insappetenza, sovrappeso, gastrite, epatite, problemi alla cistifellea, enterocolite, vermi intestinaliemorroidi.
  • Ha proprietà ipoglicemizzantilassative, colagoghe (facilita la secrezione biliare verso l’intestino) e cardiotonica (regola la frequenza cardiaca). Dai fiori si possono estrarre dei liquidi utili per curare alcuni tipi di oftalmie. La polpa della radice può essere utile per alcune infiammazioni (proprietà antiflogistica).
  • È utile nell’anemia, nell’acne, artrite, astenia, disturbi della milza, depressione, emicrania, stanchezza, febbre, affezioni urinarie.

Attività biologica

La cicoria viene utilizzata per il trattamento dei disturbi dispeptici e per contrastare la perdita dell’appetito, grazie:

  • All’azione leggermente coleretica e colagoga di cui è dotata;
  • Alla sua capacità di stimolare la secrezione di succhi gastrici e il transito intestinale.

Più precisamente, tali proprietà sono ascrivibili perlopiù ai lattoni sesquiterpenici (quindi, alle sostanze amare) contenuti all’interno delle sue radici; ma sembra che anche gli acidi organici, le fibre e i flavonoidi possano essere implicati nelle suddette attività benefiche.

Inoltre, da studi condotti su animali, è emerso che la cicoria sia in grado di ridurre la forza di contrazione e la frequenza cardiache, pertanto esercita effetti di tipo cronotropo e inotropo negativi.

Altri studi condotti su animali, invece, hanno dimostrato che gli estratti di cicoria possiedono potenziali proprietà ipocolesterolemizzanti e la potenziale capacità di rallentare il decorso del diabete, ritardando l’insorgenza delle sue complicanze.

Infine, dalle varie ricerche condotte è stata messa in luce anche una potenziale attività epatoprotettiva della cicoria, che sembra essere esercitata attraverso una riduzione dello stress ossidativo causato da radicali liberi.

Ad ogni modo, nonostante i risultati incoraggianti ottenuti, prima di arrivare ad approvare ufficialmente le suddette applicazioni terapeutiche della cicoria, ulteriori ricerche e nuovi studi clinici devono ancora essere effettuati.

Nella moderna fitoterapia la cicoria viene utilizzata sotto forma di estratti secchi titolati, tisane, decotti, estratti fluidi e tintura madre. Le dosi di assunzione normalmente consigliate sono pari a: 6 grammi di cicoria in 200 ml di acqua bollente (tisana), 2-6 gocce di estratto fluido di Cicoria (1g = 32 gocce), 40 gocce di Cicoria tintura madre tre volte al giorno.

Effetti collaterali e controindicazioni

Se assunta alle dosi consigliate, la cicoria, non dovrebbe provocare effetti indesiderati di alcun tipo. Tuttavia, in seguito al contatto della cute con la pianta, potrebbero verificarsi reazioni di sensibilizzazione. Non assumere in caso di ipersensibilità accertata verso uno o più componenti, gastriti od ulcera peptica. Per la generosa presenza di inulina, l’impiego della cicoria va evitato in caso di fermentazioni intestinali abbondanti.

Interazioni farmacologiche

L’inulina si comporta come una fibra, quindi, a dosaggi alti e per periodi prolungati la cicoria può ridurre l’assorbimento dei farmaci contemporaneamente assunti.

Dalla pianta al caffè

Il caffè di cicoria si utilizzava già parecchi secoli fa quando, soprattutto le classi più povere, non si potevano di certo permettere i costosi chicchi di caffè che provenivano dalle Americhe. Si “ripiegava” allora sulle radici di cicoria con cui preparare una bevanda dal sapore gustoso da sorseggiare durante le pause dal duro lavoro nei campi o dopo i pasti.

Caffè di cicoria.

Anche oggi con le radici della Cichorium Intybus raccolte in autunno, pulite, essiccate e poi torrefatte si può preparare questa bevanda completamente priva di caffeina. Il suo sapore ha un retrogusto amaro come quello della specie da cui deriva ma c’è chi vi percepisce anche un sentore di caramello o liquirizia. Il caffè di cicoria, tra l’altro, offre una serie di proprietà da non sottovalutare.

Il caffè di cicoria vanta diverse proprietà e benefici dovuti ai principi attivi presenti nella pianta. Questa bevanda è particolarmente ricca di: sali minerali, sostanze amare, polifenoli, fibre (in particolare inulina). Ed è proprio la sinergia di tutte queste sostanze benefiche a rendere il caffè di cicoria alleato della nostra salute.

  • Favorisce la digestione. Sorseggiando la cicoria, infatti, si garantisce una digestione migliore, in particolare dei grassi.
  • Migliora le funzioni intestinali. Il caffè di cicoria agisce positivamente sulla regolarità intestinale e favorisce la buona salute della flora batterica. Questo significa non solo un maggiore benessere dell’intestino ma anche un sistema immunitario più forte.
  • Sostiene il lavoro del fegato. Il caffè di cicoria è alleato del fegato. Non a caso si ricava da un’erba amara e, com’è noto, questo sapore aiuta e sostiene l’organo deputato all’eliminazione delle tossine, favorisce la disintossicazione del sangue e di conseguenza di tutto l’organismo.
  • Tiene a bada la glicemia. Grazie alla presenza di inulina (fibra solubile) questa bevanda aiuta a tenere a bada i livelli di zuccheri nel sangue.
  • Antiossidante. Il caffè di cicoria ha potere antiossidante, dunque contrasta i radicali liberi e di conseguenza l’invecchiamento cellulare.
  • Non contiene caffeina.

Controindicazioni del caffè di cicoria

È sconsigliata l’assunzione di caffè di cicoria in gravidanza dato che questa bevanda potrebbe andare a stimolare prematuramente le contrazioni uterine. Da evitare anche in caso di gastrite o ulcera. Non avendo caffeina, non provoca insonnia e può essere bevuto anche la sera, come bevanda calda.

Dott.ssa Giusy Trivigno – Tecnico Erborista

Scrivimi pure su: Instagram, Linkedin o all’email giusytrivigno98@libero.it

BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA

AA.VV., Flora Alpina. Volume secondo, Bologna, Zanichelli, 2004, p. 620.

Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume primo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, p. 598.

Roberto Chej, Piante medicinali, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1982.

Sandro Pignatti, Flora d’Italia. Volume terzo, Bologna, Edagricole, 1982, p. 222, ISBN 88-506-2449-2.

Wolfgang Lippert Dieter Podlech, Fiori, TN Tuttonatura, 1980.

www.coltivazionebiologica.it

www.my-personaltrainer.it

www.naturopataonline.org

Messaggio al lettore: Ogni informazione presente in questo blog è puramente a scopo informativo. Non si intende in nessun modo sostituire figure professionali in campo medico e di consulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...