Alimentazione e Sport, Medicina integrata e Fitoterapia

ARANCIA ROSSA

Foto di Carmelo Sciacca

L’arancia rossa è sicuramente uno dei fiori all’occhiello dell’agroalimentare siciliano.

Nel panorama agrumicolo mondiale la produzione di arancia rossa riguarda quasi esclusivamente l’Italia; in altri Paesi come la Spagna, varietà pigmentate sono da qualche anno presenti, ma  non forniscono qualità organolettiche paragonabili a quelle siciliane. La colorazione tipica che caratterizza i frutti di tutte le cultivar pigmentate è dovuta alla presenza di pigmenti rossi appartenenti alla classe delle antocianine; quella presente in maggiore concentrazione è la cianidina-3-glucoside (CY3G). Gli antociani trovano sede allo stato di soluzione nei vacuoli cellulari detti cianoplasti. L’intensità della colorazione rossa è variabile ed è correlata a fattori genetici e ambientali. Proprio l’ambiente svolge un ruolo fondamentale e proprio nella piana di Catania, con i suoi più di 40 mila ettari di terra fertile  risulta un’ area vocata per la produzione di arancia rossa.

Foto di Carmelo Sciacca

L’Etna e la sua influenza

La pigmentazione è incentivata in particolare dal clima e dalle escursioni termiche tra giorno e notte: più ampio è questo intervallo, maggiore è la sintesi dei pigmenti! Queste forti escursioni si verificano grazie alla presenza del massiccio dell’Etna che con la sua altezza, 3.329 metri, le rende possibili. Le masse d’aria che da Nord Ovest incrociano il vulcano superandolo, salendo si raffreddano velocemente e, ricadendo sulla piana, abbassano rapidamente la temperatura, creando il microclima perfetto. Oltre alle proprietà nutraceutiche che conferiscono questi pigmenti, nella biologia della pianta eserciterebbero una funzione protettiva contro il gelo poiché indurrebbero un abbassamento del punto di congelamento. Relativamente agli aspetti nutraceutici, è da sottolineare che le antocianine hanno un forte potere antiossidante, poiché tendono a ostacolare i radicali liberi che sono causa dei processi d’invecchiamento e di degenerazione cellulare. L’elevato potere antiossidante della CY3G pare sia da attribuire a un effetto sinergico che si instaura con le altre sostanze antiossidanti presenti in questi frutti come flavononi, acidi idrossicinnamici e acido ascorbico.

Al gruppo delle pigmentate appartengono 4 sottogruppi: Sanguigno, Sanguinello, Moro e Tarocco

Il primo oramai è in disuso e viene coltivato solo a livello hobbistico. Il sanguinello comprende diverse selezioni alcune delle quali di un certo pregio come il Sanguinello moscato, la cui raccolta si protrae fino a marzo. Esso resiste negli impianti agrumicoli più datati, poiché oggi si preferisce coltivare cloni di tarocco tardivo. Il Moro  è la cultivar che pigmenta di più: a piena maturazione sia la polpa sia la buccia presentano una colorazione tra il rosso intenso e il violaceo. Questa caratteristica lo rende idonea per l’impiego nell’industria di trasformazione anche per tagliare altri succhi scarsamente pigmentati.  A maturazione avanzata, quando si abbassano i contenuti di acidi, i frutti assumono un sapore caratteristico (odore di cimice) dovuto a processi ossidativi a carico delle antocianine. Il controllo della maturazione in campo e la raccolta programmata risulta essere fondamentale per salvaguardare l’integrità delle caratteristiche del frutto.

L’ultimo sottogruppo delle pigmentate e anche il più importante è il Tarocco. Il tarocco  è una cultivar soggetta a mutazioni gemmarie naturali. Da quest’ultime si sono stati costituiti diversi cloni di tarocco con caratteristiche assai diverse relativamente all’epoca di maturazione, alla forma dei frutti e ai livelli di pigmentazione.  Proprio per questo è assai riduttivo parlare di una sola varietà!


Come si evince dalla questo calendario di maturazione, abbiamo varietà pronte alla raccolta già a inizio dicembre fino ad arrivare a inizio maggio.

Dottor Carmelo Sciacca – agronomo

Messaggio al lettore: Ogni informazione presente in questo blog è puramente a scopo informativo.
Non si intende in nessun modo sostituire figure professionali in campo medico e di consulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...