Alimentazione e Sport, Medicina e salute

Quale relazione tra Microbiota intestinale e microbioma cutaneo?

Probiotic bacteria, normal intestinal microbiota - Foto stock royalty-free di Addome

I ricercatori di settore investigano sempre piu’ a fondo il ruolo dei batteri costituenti il microbiota intestinale. Molto interessanti sono i rapporti intrecciati da questo “organo” del peso di 1,5 kg circa, comprendente anche virus e funghi, con diversi e lontani distretti corporei. Il microbiota umano vive infatti in diverse parti del corpo:
nella bocca e nello stomaco, nell’intestino tenue e nel colon; nell’orecchio, nel naso e nel polmone; nelle vie urinarie; nella vagina; e anche sulla pelle .Nel colon troviamo soprattutto batteri anaerobi, come Bacteroides, Firmicutes, Actinobacteria e Proteobacteria.

Proprio i Firmicutes e i  Bacteroides rappresentano circa il 90% di queste popolazioni e si è giunti alla conclusione che  il  variare di questo rapporto  possa generare uno stato di disbiosi connesso a patologie non solo dell’apparato digerente, ma anche, ad esempio, a diabete e obesità, dermatiti, patologie cardiovascolari, Alzheimer, Parkinson e altre  malattie sistemiche.

I batteri che vivono sulla pelle

Close up unhappy woman looking at acne spots in mirror - Foto stock royalty-free di Pelle

Concentrandoci sulla pelle, per ogni cm2 sono presenti circa 10 milioni di microorganismi.

Secondo ciascuna condizione della pelle, cambia la popolazione delle specie viventi presenti: zone secche, zone umide, zone seborroiche, zone mucose: a ciascuna di esse appartiene un particolare microbiota.

Ben nota è l’associazione dello Staphylococcus aureus, del Proprionebacterium acnes, della Malassezia in condizioni di disagio come la dermatite atopica, l’acne, la dermatite seborroica e la psoriasi.

Da questi fatti scaturiscono molte e importanti considerazioni, ad esempio quelle su quali siano i  condizionamenti dei cosmetici sul microbioma cutaneo. O ancora come si possa influire su condizioni patologiche della pelle come psoriasi, dermatite, atopia, secchezza attraverso la modulazione del microbioma intestinale.

Woman applying hand cream to relieve the dry skin caused by hand sanitizer - Foto stock royalty-free di Mano

Oltre ad utilizzare prebiotici come l’ inulina, il cacao crudo, i semi di lino e le alghe commestibili, e ad avere un’alimentazione quotidiana ricca di avena, asparagi, porri, aglio, cipolla, cicoria, carciofi topinambur, tarassaco, anche i cibi fermentati come kefir e crauti, ortaggi e frutta, non potrà che fare bene ai nostri batteri.

Alimenti fermentati

Dieta FODMAP: cos'è, quali cibi include e quando adottarla

La storia della fermentazione alimentare è antica quanto la vita stessa. Nell’alimentazione il pane, lo yogurt, I formaggi, il vino e la birra sono solo esempi di come la fermentazione esercitata dai batteri possa influire positivamente sull’edibilità e sul sapore di cibo e bevande, e oggi sappiamo anche di ottimo impatto sulla salute. L’idromele, bevanda alcolica a base di miele ,acqua e lieviti, è la piu’ antica bevanda fermentata comparsa sulla terra. Se ne hanno notizie storiche accertate dall’antico Egitto, dalla Grecia, dall’Inghilterra dei Celti, dai Vichinghi della Scandinavia, dagli antichi popoli slavi e altro ancora.

Una pratica forse poco conosciuta per migliorare lo stato della pelle e nutrire di batteri buoni il derma è quella di fare degli impacchi di yogurt naturale, imbevendo una garza, due volte al giorno per cicli di una settimana, sulla parte di interesse.

Il Test della valvola ileocecale e la falsa appendicite. - Blog sobre  kinesiología Blog sobre kinesiología

L’applicazione locale di alimenti fermentati per trattare stati patologici cutanei sarà argomento di sicuro sviluppo per il prossimo futuro.

Dott.Andrea MorelloFarmacista-Scuola Biennale di Omeopatia e Gemmoterapia -una Scuola triennale di Medicina Ayurvedica

Messaggio al lettore: Ogni informazione presente in questo blog è puramente a scopo informativo.
Non si intende in nessun modo sostituire figure professionali in campo medico e di consulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...