Alimentazione e Sport

Attenzione alla reale coerenza di un protocollo alimentare !

In questo articolo tratteremo diversi aspetti della dietoterapia ma senza soffermarci sui singoli schemi dietetici largamente sponsorizzati ed utilizzati a scopo di marketing.

La finalità dell’articolo sarà di comunicare al lettore il reale obiettivo di un regime dietetico ritenuto coerente e sano per il nostro organismo.

In internet si ritrovano numerose diete che tendono a fare del paziente una vera e propria cavia da laboratorio. La perdita di peso indotta dall’utilizzo di questi schemi dietetici porta la persona a considerarli, nella maggior parte dei casi, dei regimi corretti per il proprio organismo solo in relazione ad un calo ponderale che il più delle volte è repentino ed inconcludente .

Un regime dietetico adeguato e personalizzato nasce da uno studio di persone specializzate del settore e non da industrie che hanno come scopo quello di “portarti al mare con un fisico perfetto”.

Diffidare da regimi dietetici totalmente sbilanciati in termini di nutrienti è il primo passo per un successo terapeutico, evitando così fluttuazioni biochimiche importanti ed l’instaurarsi del Weight Cycling.

Con quale velocità perdi i tuoi chili?

Questa tematica è molto importante in quanto in un paziente obeso circa il 75% del suo eccesso di peso è costituito da massa grassa, mentre solo il 25% è rappresentato da massa magra.

La massa magra si identifica in acqua, proteine ed un pò di glicogeno ed è questa che deve essere salvaguardata durante il calo ponderale.

Molti regimi dietetici hanno ritmi di calo ponderale che portano il paziente obeso anche 4 kg a settimana. A tal proposito è doveroso far capire al lettore che è facile in questi casi che il calo ponderale interessi non solo il tessuto adiposo ma anche la massa magra.

Regola dunque fondamentale è comprendere che quando il calo ponderale è troppo rapido viene perduta anche massa magra e specialmente a livello muscolare e ciò è un fattore non trascurabile.

La coerenza di un profilo dietetico risiede nel trovare un metodo che possa portare ad eliminare l’eccesso adiposo senza intaccare la massa non lipidica, il tutto senza creare eccessivo disagio nella vita del paziente.

La coerenza dietoterapica

Trovare una dieta che sia coerente con il soggetto che si appresta a seguirla non è un processo facile come già accennato dai paragrafi precedenti.

Il concetto cardine della dietoterapia nell’obeso è che essa mira ad un calo ponderale andando ad intaccare il solo tessuto adiposo e fornendo un apporto energetico che sia inferiore a quello necessario per un mantenimento di peso.

La dieta oltre ad essere una semplice successione di indicazioni alimentari da seguire per raggiungere lo scopo finale, risulta essere in realtà molto di più. Per dietoterapia bisogna intendere un cambiamento degli atteggiamenti alimentari e non alimentari dell’individuo che si appresta a cambiare non solo il suo peso, ma anche l’immagine di se stesso e della sua vita in differenti aspetti. La perdita di peso, a tal proposito, non ha alcun beneficio medico se non è mantenuta nel tempo. Questo fattore risulta importante a lungo termine in quanto nella maggior parte dei casi la perdita di peso risulta essere solo temporanea, ma spesso viene recuperata nell’arco di 3-5 anni.

Bisogna specificare al lettore che non sono da includere in questo discorso quei pazienti che hanno subito interventi chirurgici oltre la canonica dieta, dove la percentuale di recupero ponderale è nettamente inferiore per differenti motivi fisiologici.

Altro aspetto fondamentale ,da tener presente, è che mano a mano che il peso viene perduto cambia anche la necessità calorica del soggetto a causa di un processo chiamato : adattamento della spesa energetica.

Quali caratteristiche ha una dieta coerente?

Le caratteristiche correnti per una dietoterapia coerente o pseudo tale, sono:

  • Minimo 100 g di carboidrati al fine di prevenire gluconeogenesi da amminoacidi e per inibire la deplezione di glicogeno
  • Contenuto di fibre di almeno 20-30 grammi al giorno
  • Adeguato apporto proteico al fine di mantenere la massa magra
  • Contenuto adeguato di vitamine e sali minerali

Dato che il fine ultimo è la perdita di peso, spesso attraverso delle formule standard si calcola il quantitativo minimo di calorie che il paziente deve assumere. Una terapia di successo ed ampiamente utilizzata è quella che risulta basata sulla deplezione di 500 kcal, ovvero con un deficit fisso stabilito.

L’evoluzione della dietoterapia

Un assetto opposto a quello considerato fino ad ora è stato quello dell’introduzione di profili alimentari basati su “diete liquide” a contenuto energetico molto basso.

Negli anni ’60 cominciarono a comparire i primi regimi basati su diete complete in termini di vitamine, proteine e micronutrienti ma con un valore energetico troppo basso, circa 350 kcal per giorno.

Negli anni ’70 si passa alla The LastChanceDiet ovvero una dieta che provoco numerosi morti per aritmia cardiaca in quanto povera di acidi grassi essenziali e di minerali come potassio e magnesio.

Arriviamo agli anni ’80 con l’immissione in commercio di diete meglio formulate ma che presentavano comunque delle difficoltà oggettive in soggetti che già erano magri. Questo fenomeno interessò soprattutto donne che instaurando questi regimi dietetici svilupparono disturbi alimentari correlati.

Questi eventi portarono le agenzie governative all’imposizione di linee guida soprattutto negli Stati Uniti :

  • Regime minimo dietetico di 800 kcal
  • Attuazione del regime solo in pazienti con IMC superiore a 30
  • Regime dietetico applicato solo per periodi limitati

Entrati nel nuovo millennio e con tutti i progressi tecnologici e non solo derivati da tale passaggio, anche la dietoterapia si è evoluta arrivando all’attuazione di protocolli alimentari caratterizzati da preparazioni liquide del valore nutrizione di circa 750 kcal come surrogati del pasto. Il tutto è stato supportato dal concetto di “corsa al progresso” che,da quegli anni in poi , è diventato parte integrante del nostro modo di vivere la vita.

Approccio dietoterapici

Sono stati differenti e variegati gli approcci alla dietoterapia che hanno portato verso regimi dietetici sempre più eterogenei, ma quali sono state le considerazioni preliminari che hanno portato verso questi pattern alimentari?

Diminuzione dell’assorbimento intestinale

Numerosi sono stati i tentativi per diminuire a livello intestinale l’assorbimento di determinati nutrienti al fine di causare un calo ponderale. A tal proposito la fibra alimentare o surrogati non digeribili di grassi alimentari, o ancora inibitori della lipasi pancreatica sono stati utilizzati al fine di impedire l’assorbimento di lipidi e non solo. Quando il consumatore si trova di fronte ad un prodotto che contenga come fine ultimo quello di diminuire l’assorbimento intestinale , esso deve tener presente che nei casi sopracitati, gli effetti collaterali possono essere :

  • Steatorrea che a lungo termine è fastidiosa
  • Inibizione assorbimento di vitamine liposolubili

Diete ipocaloriche

Il successo più grande è derivato dal valutare, come arma potenziale, una dieta ipocalorica per il raggiungimento di un successo terapeutico. Nello specifico diete ad alto contenuto di lipidi e basso contenuto calorico, inducono uno stato di chetosi. Tale condizione va a deprimere l’appetito, ma al tempo stesso causa effetti indesiderabili come :

  • nausea
  • ipotensione
  • faticabilità

Si tenga presente che i corpi chetonici essendo essenzialmente acidi tendono a far variare il pH del sangue inducendo acidosi.

Digiuno

Il digiuno ormai da qualche anno è diventato di moda ed inevitabilmente porta ad una perdita di peso, ma tale calo ponderale non interessa solo la massa grassa ma anche quella magra. A tal proposito sono stati studiati regimi alimentari con un apporto proteico al fine di ridurre la quantità perso di tessuto non adiposo ed inducendo chetosi. L’inconveniente di tale regime è derivante da aritmie cardiache che hanno condotto anche a morte, probabilmente per interessamento della massa miocardica e deficienza potassica.

Diete ipocaloriche bilanciate

Questo tipo di dieta è utilizzata con l’intento di salvaguardare la massa magra proteica ed intaccare solo quella grassa. Per questo motivo è stato introdotto all’interno del regime alimentare un contenuto di glicidi minimo per evitare deplezione proteica ed il taglio più grande è avvenuto sulla quota lipidica.

In conclusione abbiamo visto i differenti aspetti che portano alla nascita ed alla scelta di un determinato regime dietetico. Considerare un regime dietetico coerente con il nostro organismo è difficile e proprio per questo motivo sta diventando sempre più importante imporre un concetto di “dieta personalizzata”.

Dunque è chiaro che rivolgersi ad esperti per cambiare il proprio assetto alimentare risulta fondamentale per raggiungere l’obiettivo terapeutico e mantenerlo nel lungo periodo.

Dott. Vincenzo Zottoli

Messaggio al lettore: Ogni informazione presente in questo blog è puramente a scopo informativo.
Non si intende in nessun modo sostituire figure professionali in campo medico e di consulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...