Medicina e salute

La Flebologia : integratori si o no?

La flebologia è quella branca dell’angiologia che si occupa di tutti i disturbi correlati alla circolazione, con particolare attenzione a quella venosa.

insufficienza_venosa

Tali disturbi, risultano essere molto diffusi soprattutto nei pazienti al di sopra dei 50 anni di età. Le piante medicinali da anni hanno avuto un impatto enorme sul mercato, in questo settore ed in questa sezione andremo a vedere i pro e i contro dei maggiori principi attivi utilizzati. Questa sarà solo una presentazione di cio’ che ad oggi è l’approccio nutraceutico al problema flebologico.

Di solito i principi attivi in questo campo sono utlizzati in monoterapia o in terapia combinata, cioè associati tra loro e sono : antociani derivanti dal mirtillo nero , triterpeni della centella asiatica, cumarine derivanti dal meliloto, sapogenine da rusco, escina da ippocastano, oligomeri procianidolici dalla Vitis Vinifera, bromelina e nattochinasi da soia.

Prima di parlare singolarmente di queste piante bisgona capire la natura del problema. L’insufficienza venosa cronica , rappresenta una situazione patologica caratterizzata da un’incapacità del nostro sistema venoso di svolgere la sua azione di circolo di ritorno. Quando tale azione viene danneggiata si presenta un quadro patologico che puo’ portare a problemi seri anche gravi. E’ buona norma rivolgersi ad un medico specialista per valutare il grado di insufficienza venosa che puo’ interessare il paziente, in modo da ricorrere ad una terapia adeguata.

Tra le problematiche caratteristiche di un insufficienza venosa ritroviamo sicuramente la vasodilatazione con un aumento della permeabilità di parete che porta ad uno stato edematoso più o meno importante.

Ricopre ruolo importante anche l’impalcatura del tessuto connettivo che avvolge le vene in questione, un debola situazione trofica connettivale porta ad una condizione di sofferenza del tessuto stesso con un aumento delle probabilità di collasso venoso della parete del vaso.

A tale concetto aggiungiuamo che un ipertensione venosa porta ad una successiva sclerosi connettivale ed atrofia fibro-muscolare con tutti i danni che ne conseguono.

Una causa o una conseguenza di queste turbe funzionali possono essere le vene varicose. che risultano essere caratterizzanti in un paziente affetto da insufficienza venosa croncia. Altro disturbo correlato puo’ essere riferito ai danni sul sistema di drenaggio linfatico, costituiti da un ceidmento di parete di questi vasi che ingolfandosi aggravano il quadro clinico del paziente.

medicina-online-dott-emilio-alessio-loiacono-medico-chirurgo-roma-differenza-trombosi-arteriosa-venosa-pro-riabilitazione-nutrizionista-infrarossi-accompagno-commissioni-cavitazione-radi

Di maggiore gravità, è invece il concetto di flebotrombosi, diverso in senso stresso dal processo di flebite, in quanto non vi è infiammazione, bensì la formazione di un vero e proprio trombo, che in base alla vena ostruita puo’ essere di gravità differente. Il coagulo di fibrina puo’ ostacolare il flusso in maniera parziale o totale ed interessando principalmente i distretti delle vene della pelvi, i rami della porta e della dura madre. E’ ovvio pensare a questo punto che la grandezza del trombo è fondamentale e che i sintomi maggiormente riscontrabili sono sicuramente il turgore vascolare, il colorito bluastro, l’edema diffuso  ed il dolore piu’ o meno intenso che possono essere segnali importanti per il medico specialista. La terapia prevede sicuramtne l’immobilizzazione dell’arto e l’utilizzo di trombolitici. La manifestazione e complicanza più grave resta sicuramente l’embolia polmonare.

In questa sezione, andremo a vedere come la letteratura scientficia fitoterapica risulta essere immensa diffusa in ambito clinico. Dunque nei prossimi articoli vaglieremo, le reali potenzialità, basandoci su dati scientifici, dei principali fitoterapici utilizzati per l’insufficienza venosa.

 

 

Dr. Vincenzo Zottoli

.

 

Messaggio al lettore: Ogni informazione presente in questo blog è puramente a scopo informativo.
Non si intende in nessun modo sostituire figure professionali in campo medico e di consulenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...